Warning: include(): http:// wrapper is disabled in the server configuration by allow_url_include=0 in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 36

Warning: include(http://www.rockronnie.it/testata.php): failed to open stream: no suitable wrapper could be found in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 36

Warning: include(): Failed opening 'http://www.rockronnie.it/testata.php' for inclusion (include_path='.:/php5.4/lib/php/') in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 36
Homepage » Tutti i generi » Tutti gli artisti » Blues
Warning: include(): http:// wrapper is disabled in the server configuration by allow_url_include=0 in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 45

Warning: include(http://www.rockronnie.it/search.php): failed to open stream: no suitable wrapper could be found in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 45

Warning: include(): Failed opening 'http://www.rockronnie.it/search.php' for inclusion (include_path='.:/php5.4/lib/php/') in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 45

Wynonie Harris


Wynonie Harris
Nazionalità: Usa Usa,
Genere: Blues
Periodo attività:
Album pubblicati:
Studio:
Ep:
Live:
Raccolte:
Foto del gruppo: Immagini
Sito ufficiale:
 

Storia



Wynonie Harris (24 Agosto 1915 - 14 giugno 1969), nato a Omaha, Nebraska, è stato un americano di Blues urlato e R&B, cantante di canzoni vivaci e umoristiche, spesso con testi volgari. Con quindici hits Top 10 tra il 1946 e il 1952, Harris è generalmente considerato uno dei precursori rock and roll, influenzando Elvis Presley , tra gli altri. È stato oggetto di una biografia di Tony Collins nel 1994.

Biografia

Inizio della vita e della famiglia.

La madre di Harris, Mallie Hood Anderson, aveva quindici anni e non era sposata, al momento della sua nascita. La paternità di Harris è incerta. La moglie di Harris, Olive E. Goodlow, e la figlia Patricia Vest, hanno detto che il padre di Harris era un nativo americano, chiamato Blue Jay. Harris non ebbe una figura paterna in casa fino al 1920, quando sua madre sposò Luther Harris, quindici anni più anziano di lei.

Nel 1931 all'età di 16 anni, Harris abbandonò la scuola superiore in North Omaha. L'anno seguente ebbe il suo primo figlio, la figlia Micky, nata a Naomi Henderson. Dieci mesi dopo, il secondo figlio di Harris, Wesley, nato a Laura Devereaux. Entrambi i bambini sono stati sollevati dalle loro madri. Wesley è diventato il cantante dei Five Echoes and The Sultans. Più tardi divenne un cantante e chitarrista nei Preston Love's band.

Nel 1935 Harris, 20 anni, iniziò ad uscire con la sedicenne Olive E. Goodlow (Ollie) della vicina Council Bluffs, Iowa, che era venuta a Omaha per vederlo suonare. Il 20 maggio 1936, Ollie diede alla luce la figlia Pattie (Adrianne Patricia). In data 11 dicembre 1936, si sposarono. Più tardi vissero nel complesso di Fontenelle Logan in North Omaha. Ollie lavorò come barista e infermiera; Wynonie cantava in un locale così come faceva alcuni lavoretti. La madre di Wynonie, Mallie Harris, fu la principale custode di Pattie. Nel 1940, Wynonie e Ollie Harris si trasferirono a Los Angeles, California, lasciando Pattie con Mallie a Omaha.

Gli inizi della carriera

Con la partner di danza Velda Shannon, Harris formò una squadra di danza nei primi anni 1930. Il team eseguì un giro per divertimento nella fiorente comunità del Nord Omaha, e nel 1934 divennero una regolare attrazione presso il Teatro Ritz. Tuttavia, fino al 1935 Harris non fu in grado di guadagnarsi la vita come un intrattenitore. Durante l'esecuzione al nuovo nightclub di Jim Harlem con Velda Shannon, Harris cominciò a cantare il blues.

Cominciò a viaggiare di frequente a Kansas City, Kansas dove ha prestato grande attenzione alla Shouters blues tra cui Jimmy Rushing e Big Joe Turner. Harris diventatò una celebrità locale a Omaha nel corso della profondità della Grande Depressione nel 1935. Harris a Los Angeles si esibì in una discoteca di proprietà di Curtis Mosby. Fu qui che Harris divenne noto come "Mr. Blues".

Con Lucky Millinder

A causa dell'embargo in tempo di guerra sulla gommalacca, Harris non fu in grado di perseguire una carriera discografica. Invece, si dedicò a molte apparizioni personali. Esibendosi quasi continuamente, alla fine del 1943 apparve al Club Rhumboogie a Chicago. Harris è stato notato da Lucky Millinder che gli chiese di unirsi alla sua tour band. Harris si iscrisse il 24 marzo 1944, mentre la band era nel mezzo di una lunga residenza settimana al Regal a Chicago. Si trasferì a New York, dove il 7 aprile Harris salì sul palco con la band Millinder per il suo debutto al Teatro Apollo di Harlem. Fu durante questa performance che Harris fece per la prima volta al pubblico "Who Threw the Whiskey in the Well" (un brano registrato due anni prima con la Doc Wheeler's Sunset Orchestra).

Dopo la prestazione all'Apollo, la band passò suonare regolarmente al Savoy Ballroom, anche in Harlem. Qui, Preston Love, amico d'infanzia di Harris, si unì alla band Millinder per sostituire il sax alto Tab Smith. Il 26 maggio 1944, Harris fece la sua registrazione di debutto con Lucky Millinder e la sua orchestra. L'ingresso in uno studio di registrazione per la prima volta, Harris cantò in due dei cinque tagli, quel giorno, "Hurry, Hurry" e "Who Threw the Whiskey in the Well", per l'etichetta Decca. Pur diminuendo, l'embargo sulla gommalacca, che non era ancora stato rimosso, per il rilascio del disco la data fu ritardata.

Il successo di Harris e la popolarità come band Millinder crebbero facendo il giro del paese. Lui e Millinder però ebbero uno scontro sui soldi. Nel settembre 1945 mentre giocava a San Antonio, Texas, Harris uscì dalla band di Millinder. Tre settimane dopo, alla notizia della separazione di Harris dalla band, a Houston, in Texas un promotore rifiutò di autorizzare la band Millinder di suonare. Millinder chiamò Harris e accettò di pagare prezzo richiesto da Harris di cento dollari a serata. Il programma di concerti creata dall'ultima promozione venne portata a termine ma fu anche l'ultima volta che Harris e Millinder lavorarono insieme. Bull Moose Jackson sostituì Harris come cantante nella band.

Nell'aprile del 1945, un anno dopo la canzone fu registrata, la Decca pubblicò "Who Threw the Whiskey in the Well". Per il gruppo divenne il più grande successo, finendo al numero uno del Billboard R&B chart il 14 luglio e vi rimase per otto settimane. La canzone rimase in classifica per quasi cinque mesi, diventando popolare anche tra il pubblico bianco. Una caratteristica insolita per i musicisti neri di quel periodo. In California il successo della canzone aprì le porte per Harris. Poiché il contratto con la Decca era con Millinder (nel senso Harris era un free agent), Harris potè scegliere tra i contratti di registrazione con cui presentarla.

Carriera solista

Nel luglio del 1945, Harris ha firmato con Philo, etichetta di proprietà dei fratelli Leo e Edward Mesner. La Harris band fu assemblata da Johnny Otis, e il gruppo registrò il disco di 78 giri "Around the Clock". Pur non essendo un hit, la canzone divenne popolare e fu coverizzata da molti artisti, tra cui Willie Bryant, Jimmy Rushing e Big Joe Turner.

Harris continuò a registrare le sessioni di altre etichette, tra cui Apollo, Bullet e Aladdin. Il suo più grande successo arrivò quando firmò per l'etichetta Syd Nathan's King, dove ha goduto di una serie di visite per la U.S. R&B chart nel 1940 e primi anni 1950. Tra queste una cover del 1948 di Roy Brown "Good Rocking Tonight", "Good Morning Judge" e "All She Wants to Do Is Rock". Nel 1946, Harris registò due singoli con il pianista Herman "Sonny" Blount, che in seguito ha guadagnò fama come compositore jazz eclettico e bandleader Sun Ra.

Nel 1951 fece la cover di Hank Penny "Bloodshot Eyes" (King 4461).

Carriera successiva

Harris passò tra diversi contratti di registrazione tra il 1954 e il 1964. Nel 1960 ha tagliato i sei lati di Roulette Records, che comprendeva un remake della sua hit "Bloodshot Eyes" e "Sweet Lucy Brown", "Spread the News", "Saturday Night", "Josephine" e "Did You Get the Message". Divenne anche più indebitato, e fu costretto a vivere in un ambiente meno glamour.

Nel 1964 Harris tornò per l'ultima volta a Los Angeles. Le sue registrazioni finali sono stati tre lati, che ha fatto per la Chess Records (a Chicago) nel 1964: "The Comeback", "Buzzard Luck" e "Conjured". La sua grande performance finale fu al all'Apollo di New York nel novembre del 1967, dove suonò con Big Joe Turner, Big Mama Thornton, Jimmy Witherspoon e T-Bone Walker.

Morte

Il 14 giugno 1969, a 53 anni, Harris morì di cancro esofageo presso il Medical Center Hospital USC di Los Angeles.





Warning: include(): http:// wrapper is disabled in the server configuration by allow_url_include=0 in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 106

Warning: include(http://www.rockronnie.it/footer.php): failed to open stream: no suitable wrapper could be found in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 106

Warning: include(): Failed opening 'http://www.rockronnie.it/footer.php' for inclusion (include_path='.:/php5.4/lib/php/') in /web/htdocs/www.rockronnie.it/home/artisti/wynonie_harris/wynonie_harris.php on line 106