Pubblicato: 13-06-2013

L'addio dei My Chemical Romance. Teoria: nuovo inizio con nuovo nome


Concerti di bands rock

Notizie sulle bands rock

Lives e festivals

Live e festival di musica

Date e concerti

Nuovo album della band

Banner e locandine o lacandina dei concerti

Rock bands: rock, metal, indie, alternative, punk, hardcore, new wave, pop, stoner, blues


Non si ancora spenta l'eco dell'addio dei My Chemical Romance, e Twitter continua a ribollire di messaggi e supposizioni. "Kerrang!", dopo aver letto e analizzato centinaia di tweet, formula una teoria. E cio che i MCR si siano "sciolti" per lasciare la loro etichetta discografica e ricominciare daccapo con un nuovo nome ma mantenendo la stessa line-up. Il settimanale britannico sottolinea che non vi sono assolutamente elementi ufficiali che possano suffragare la supposizione. Tuttavia, dopo aver messo assieme un po' di pezzi del puzzle, qualcosa parrebbe effettivanente delinearsi.











"K!" butta l: possibile che una bella carriera, durata dodici anni, possa concludersi in maniera totalmente improvvisa con due frasette sul sito e buonanotte? E ancora: l'ultimo tweet del cantante Gerard Way contiene una foto di Harry Houdini, il grandissimo
illusionista ed escapologo. Nella foto, appunto, Houdini (1874-1926) si libera e scappa. Metafora? La band ci sta suggerendo qualcosa? Inoltre l'immagine appare sul primo disco del gruppo. Il segno di una rinascita, di un ritorno alle origini? E quello che sarebbe stato il compleanno di Houdini cade proprio oggi. Combinazione? Altre considerazioni: la formazione era alacremente al lavoro sul quinto album di studio. Possibile che tutto possa dissolversi da un giorno all'altro? E ancora: la moglie di Gerard ha postato un tweet in cui letteralmente si afferma "comprendo il bisogno di cambiare per ricominciare, il futuro inizia adesso, sta per avere luogo una nuova avventura". E ancora: Mat Devine, amico intimo di Gerard, ha scritto: "Fan degli MCR, non disperatevi. Quando una porta si chiude, un'altra si apre".


(Articolo tratto dal sito: rockol.it del 24 mar 2013)