Pubblicato: 13-07-2013

Bruce Springsteen, un EP coi Dropkick Murphys per le vittime di Boston


Concerti di bands rock

Notizie sulle bands rock

Lives e festivals

Live e festival di musica

Date e concerti

Nuovo album della band

Banner e locandine o lacandina dei concerti

Rock bands: rock, metal, indie, alternative, punk, hardcore, new wave, pop, stoner, blues


Bruce Springsteen ha registrato un brano con i Dropkick Murphys per raccogliere fondi da devolvere alle vittime dell'attento dello scorso 15 aprile: il Boss ha infatti ri-registrato con la band celtic punk di Quincy una nuova versione di "Rose tattoo" - terza traccia della loro prova in studio pi recente, "Signed and sealed in blood" - che insieme alle versioni acustiche degli stessi Murphys "Jimmy Collins's wake" e "Don't tear us apart" compone un EP reso disponibile su iTunes dalle prime ore di questa mattina.

"Il nostro amico Bruce Springsteen si unito a noi per cantare in una nuova versione di 'Rose tattoo', e poi ci sono due versioni acustiche dal vivo registrate al Gibson Showroom di Las Vegas a soli quattro giorni dalla treagedia", ha spiegato il gruppo, che tramite il chitarrista James Lynch ha precisato: "Bruce ci ha chiamato il giorno stesso dell'attentato per chiederci cosa avrebbe potuto fare per rendersi utile. Non abbiamo dovuto nemmeno cercarlo. E' stato lui che si messo a disposizione".

Gli incassi dalla vendita verranno totalmente devoluti al Claddagh Fund, ente benefico diretto dal bassista del gruppo Ken Casey che fornisce assistenza alle vittime e ai relativi familiari coinvolti nel sanguinoso attacco costato alla vita a tre persone e nel quale sono rimasti feriti - in modo anche molto grave - altri 264 tra sportivi e spettatori.

http://abcnewsradioonline.com/storage/music-news-images/M_DropkickMurphysRoseTattoo_051613.jpeg


Non la prima volta che il gigante del rock a stelle e strisce collabora con la band celtic punk di "I'm shipping up to Boston": Springsteen e i Dropkick Murphys unirono le forze gi per "Peg o' my heart", dodicesimo brano dell'album del 2011 "Going out in style".


(Articolo tratto dal sito: rockol.it del 16 mag 2013)